Il collasso della “Brunetta”

Una diagnosi impietosa del fallimento della riforma brunetta è sul sito di pietroichino : il documento Ichino Morando apre lo sguardo verso un processo di riforma molto più ampio e rappresenta una buona base di ragionamento per il futuro; la mia idea è che occorra in questo quadro anche un ripensamento  del concetto stesso di misurazione della performance secondo le modalità delineate dalla Civit e soprattutto del collegamento meccanico con gli incentivi economici per dirigenti e personale.

Da 1000 pagine a 50 articoli

Il progetto di pietroichino per una grande semplificazione del diritto del lavoro individua la strada giusta per una vera innovazione nel campo normativo. Anziché scrivere nuove leggi sempre più complicate occorre diradare la selva che si è formata negli ultimi 20 anni e che soffoca un po’ tutti i settori di attività.

Operazione trasparenza

L’iniziativa del Ministro Brunetta di dare trasparenza ai dati su retribuzioni, incarichi e curricula dei dirigenti pubblici rilancia in modo forte l’attenzione sulle riforme delle PA e va nella direzione giusta se apre la strada all’adozione di criteri condivisi e generalizzati in tutta la PA, evitando di cavalcare solo l’onda polemica dell’opinione pubblica e agganciandosi a un lavoro serio e pragmatico sul campo: trasparenza.

Segnalo al proposito l’articolo di Renato Ruffini su Il Sole 24 Ore di lunedì 26 maggio, che Continue reading