Organizzare all’ombra del potere

Agli inizi del luglio 2016 la città di Napoli ha ospitato due eventi concomitanti: il trentennale di Dolce & Gabbana e il 32° colloquium di  EGOS the European Group of Organization Studies. Se il primo evento ha occupato la scena mediatica, il consesso degli studiosi europei di organizzazione ha avuto un numero maggiore di partecipanti, circa 3000.  L’Università Federico II ha accolto i congressisti nel suo grande Campus di Monte S. Angelo, aprendosi alla collaborazione di un network di Università napoletane (Seconda Università di Napoli, Università  Parthenope) e campane (Salerno, Sannio).  E’ la prima volta che il Colloquium annuale di Egos è organizzato in Italia e nelle precedenti 31 edizioni non si era mai avuto un numero così alto di partecipanti.

E’ giusto essere  orgogliosi di questa performance, che dimostra l’impatto anche visibile e tangibile che una ricerca così vitale per i problemi della nostra società può avere in un contesto più ampio.  Dobbiamo tutti ringraziare i colleghi che hanno concepito e condotto in porto un progetto così impegnativo.

Reassembling Organizations

E´  in corso a Goteborg il 27´Colloquium di egos  European grop of Organization Studies: al centro dell´´ attenzione c´e´ il mettere insieme le cose – oggetti, idee, persone – che si ripropone in sempre nuovi contesti…  nel dopo crisi la rilevanza di questa prospettiva aumenta e si estende al di la´ dei confini delle organizzazioni formali

L’organizzazione kafkiana

Presentiamo all’EGOS il nostro paper nel gruppo sulla kafkesque organization: WHY DO CONTROLS FAIL? COMPARING ANSWERS FROM LITERARY CREATIVITY AND FROM ORGANISATIONAL RESEARCH
Sub-theme 43: Open track I: Organizational Complexities and Ethical Holes in a Globalized and Virtual World
co-Authors:
Eliana Minelli – University Carlo Cattaneo, LIUC: eminelli@liuc.it
Matteo Turri – Department of Economics, Business and Statistics – University of Milan: matteo.turri@unimi.it

Rivoltare le organizzazioni

Si conclude oggi ad Amsterdam il 24th EGOS Colloquium  EGOS2008 : Upsetting Organizations, un’occasione d’incontro degli studiosi di organizzazione non solo europei. Ieri Eliana Minelli ha esposto brillantemente il  paper Change management in complex organisations: comparing five Italian case studies, elaborato con me e Matteo Turri.  C’è stato un confronto proficuo con Sylwia Ciuk  di Oxford e col gruppo francese coordinato da Jean Paul Dumond in particolare sui temi della leadership e della cultura organizzativa. Si è discusso fra l’altro Continue reading

EGOS 2008: paper sul change management

Al 24th EGOS Colloquium  che si terrà presso l’Amsterdam University dal 10 al 12 luglio presenteremo questo paper: Gianfranco Rebora, Eliana Minelli and Matteo Turri, Change management in complex organisations: comparing five Italian case studies, che espone i risultati preliminari della ricerca PRIN sul cambiamento organizzativo in imprese e pubbliche amministrazioni.

Questo è il programma della sessione: open sub-theme2-egos2008

Luci e ombre nella valutazione della ricerca

Ieri a Berlino abbiamo presentato la nostra   relazione (Minelli-Rebora Turri) su Light and Shade of the Italian Experience nella valutazione della ricerca attraverso la peer review. L’Italia è ancora ai primi passi  e l’introduzione di questi strumenti serve comunque a smuovere le acque. Nei paesi che sono più avanti non mancano comunque dissonanze di idee e conflitti intorno a questa controversa materia. Oggi il Workshop prosegue con altri interventi, fra cui quello di Starbuck che mette in evidenza il rischio che la ricerca sia eccessivamente orientata da processi imitativi di quanto fanno i ricercatori più affermati e conosciuti con conseguente appiattimento e sacrificio dell’originalità.

A Berlino si parlerà di peer review

Il 24-25 aprile  interverremo, presentando una relazione (Minelli, Rebora, Turri, Peer review practices in the research field. Lights and shadows of the Italian experiences), al workshop organizzato a Berlino dall’European Group for Organisational Studies e dal  Social Science Research Center per una discussione critica della metodologia di peer review applicata nella valutazione della ricerca.  Programma