Ruolo notarile?

E’ significativa questa reazione del Ragioniere generale dello Stato Canzio alle critiche ricevute in merito al decreto che sblocca i crediti alle imprese. Viene ribadito il ruolo “notarile” della Ragioneria e il ruolo degli alti funzionari statali come  custodi tecnici, non politici. Così Canzio ribadisce la neutralità politica della sua azione e il servizio allo Stato come tale.  Questo però sposta il problema perché  oggi quello che si discute non è tanto l’impazialità delle strutture centrali, che in effetti hanno sempre generato lo stesso tipo di soluzioni indipendentemente dai governi di diverso segno, ma proprio il merito tecnico di questi provvedimenti. V. anche il commento di guido gentili  interdizione di stato :  ciò che occorre oggi  è  l’approntamento di soluzioni tecniche idonee a evitare che problemi di questo tipo si ripropongano continuamente, anche dopo che  i provvedimenti richiesti entrano nelle fasi di implementazione. Il fatto di risentirsi e di metterla sul piano della correttezza istituzionale non aiuta ad andare avanti.

Tremonti e fra’ Luca

“Le patologie del capitalismo e il piano del presidente Obama”  è il titolo di un articolo di Giulio Tremonti scritto per Italianieuropei e anticipato  dal Corriere del 12 febbraio:  Patologie_del_Mercato C’è dentro un’analisi della crisi basata su 4 patologie. Interessante in particolare la quarta , secondo cui l’ultimo capitalismo si “è liberato dal vincolo della partita doppia”. Qui Tremonti rende omaggio a “un antico francescano, fra’ Luca Pacioli”. Così il capitalismo si sarebbe spostato solo sul conto economico, abbandonando la base del conto patrimoniale. Questo non è stato solo un passaggio contabile, è stato soprattutto un passaggio politico e morale”.  (…) E’ così che il capitalismo ha preso la forma istantanea del conto economico. E’ così che è venuto via via configurandosi un capitalismo di tipo nuovo, di tipo take away: estrai ricchezza dal contro patrimoniale, saccheggi i valori che ci sono dentro e li porti fuori”.