Sviluppo & Organizzazione n. 279

E’ uscito il n. 279 di Sviluppo & Organizzazione. Nella rubrica Cinema & Romanzi commento il film The Square. La lettura del film di Ruben Östlund,  Palma d’oro al Festival di Cannes 2017, mette in luce il caos dei comportamenti che caratterizza i tempi in cui viviamo. Governare le forme di soggettività esuberante  è difficile, perché queste mettono a nudo sia i limiti dei sistemi di governance che le umane manchevolezze di leader e decisori; di fronte a questo, l’evocare valori come quelli simboleggiati da quadrati o da cerchi serve a poco, perché la forza dei soggetti e quella della realtà sono incontenibili e quasi mai orientabili nella direzione desiderata. Saggezza vorrebbe che si superasse almeno l’illusione di detenere il controllo e ci si facesse una ragione dell’esigenza di realizzare un continuo bilanciamento tra esigenze e valori in contrasto che configurano veri propri dilemmi destinati a durare nel tempo.

Letteratura e insegnamento

E’ mancato  remo ceserani  grande studioso di letterature comparate. In questa intervista analizzava acutamente i problemi dell’insegnamento della letteratura nella scuola e nell’università, scrivendo tra l’altro: “È in atto da anni una tendenza, in molti paesi e anche in Italia, a trascurare nell’educazione scolastica gli insegnamenti delle cosiddette materie letterarie (la cura della lingua, la ricchezza e le sfumature del linguaggio parlato e scritto, lo spessore della storia), così come di quelli delle scienze forti (la matematica, le scienze naturali, i metodi della ricerca), e a dedicarsi molto di più alle conoscenze pratiche e strumentali o ad apprendimenti molto superficiali”.

La casa dei giochi

Visto all’Accademia Carrara di Bergamo il dipinto di Pietro Longhi   il ridotto di Venezia  . Nella casa da gioco, la combinazione delle maschere, dei volti scoperti, dei denari sparsi, degli sguardi, degli ammiccamenti compone un gioco sociale  più complesso di quello apparente, la cui osservazione dice molto sulle dinamiche della decadenza, un aspetto che ritroviamo in altre scene  veneziane di questo pittore.