Si vorrà affrontare il nodo dello Stato?

Dopo le elezioni: sembra che avremo un governo stabile. Un recente libro curato da Luca Ricolfi ha riproposto già nel titolo Ostaggi dello Stato il nodo di fondo della realtà italiana. Ci si può chiedere quindi se si vorrà e potrà finalmente affrontare questo problema che le riforme amministrative degli anni ’90 hanno solo lambito. Ricolfi dice: oggi siamo ostaggi dello Stato….

… il nostro guaio più grande, però, è che lo siamo due volte. La prima volta, perché lo Stato è onnipresente là dove non dovrebbe esserci e la sua onnipresenza finisce per soffocare l’economia, mortificare il merito, scoraggiare l’iniziativa dei singoli. La seconda volta perché lo Stato è assente dove dovrebbe esserci, e proprio questa sua assenza è all’origine della nostra insicurezza…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>